Marco Sforza

Sabato 21 luglio 22.30

Marco Sforza è un istrione votato alla musica cantautorale, un cantastorie dallo spiccato senso dell'humor e dalla sincera musicalità. Vincitore di diversi festival e concorsi musicali nazionali tra cui l'ultimo Augusto Daolio 2009 e il Contest nazionale City Music Lab 2009. Una malinconica allegria di romantiche e scanzonate testimonianze di vita, inonda gli ascoltatori già al primo accordo di chitarra classica o magari con l'accompagnamento fidato di un vecchio pianoforte, tutto a formare un'allegra e malinconica atmosfera di romantiche e sfacciate testimonianze di vita.

Davvero un artista non omologato, lo si capisce fin dalle scelte di approccio al mercato discografico, rara e singolare fu nel 2009 quella di debuttare direttamente con un live, l'ottimo Laiv al Materia Off, con il quale il cantautore di Reggio nell'Emilia, accompagnato dal Trio Separè, lasciò intravedere tutto il "fermento emiliano" fatto di quell'insieme di autoironia e sarcasmo, fisicità e poesia, tratti che connaturano i forti contrasti di quel territorio. La musica di Sforza, poiché corre sempre l'obbligo di dare coordinate stilistiche a chi non conosce l'artista, si abbevera alla fonte del primo Capossela (quello di Modì per intenderci) ma anche, in piccole dosi, all'opera di Giorgio Conte e poi molto Sforza.